domenica 30 dicembre 2012

Una storia d'amore



A Dangerous Method è un film biografico del 2011 diretto da David Cronenberg.
La sceneggiatura è curata da Christopher Hampton, che ha basato per il grande schermo un suo lavoro teatrale del 2002, a sua volta basato sul libro di John Kerr Un metodo molto pericoloso del 1993.

Ieri sera ho visto un film bellissimo, non scrivo la trama, facilmente leggibile in internet, vi parlo delle mie emozioni.

Mia figlia mi ha chiesto se stavo guardando "50 sfumature di grigio", siamo entrate così in un dialogo molto delicato e particolare, la sessualità,riferendomi a come la pensava Freud in contrapposizione con Jung, studioso e psicoterapeuta che amava andare oltre la logica realistica del suo collega. Jung credeva nei sogni e nella forza creativa delle pulsioni, siano esse di dolore o di grande felicità, non pensava alla repressione degli stati emotivi come metodo di guarigione, non si limitava a studiare la mente, credeva ni potenzialità maggiori.
Il film è una vera e bellissima storia d'amore che si conclude con Carl Jung che dice dice all'unica donna che abbia veramente amato, prima sua paziente poi sua amante, non scrivo le parole esatte , dice pressapoco: " Mia moglei è sempre stata la mia sicurezza terrena, la mia amante del momento la mia possibilità di volare, tu sei stata il mio unico e grande amore, tu sei stata tutto-
Un mio amico mi ha scritto in una mail . l'essere umano è con i piedi nel fango . e penso a freud che tenta di estrarlo , e con la mente in volo, così penso a Jung che tenta di spiccare più voli con l'anima, l'anima, quel qualcosa di non palpabile, visibile, chiaro, ma capace di grande voli, la sede dell'amore e di ogni pulsione, dove risiede il nostro essere più vero e autentico, ma anche quello che più ci fa paura, perchè abbiamo paura e temiamo tutto quello che non conosciamo in cielo ed in terra. Secondo me, vivere veramente, significherebbe diventare degli esploratori del nostro "IO" più profondo partendo in un viaggio avventuruoso verso ciò che temiamo di scoprire.

18 commenti:

  1. ho letto il tuo commento da me...
    mi spiace, mi spiace molto, ho un cagnino di 16 anni che è la mia ombra... in giornata posterò le qualche sua foto nella neve dove abito.

    ti abbraccio e ti faccio i nostri (miei e di Banjo) migliori auguri !

    Stefano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ho visto le immagini, un posto bellissimo, io adoro la neve e anche la mia Perla (pastore tedesco), quando nevica si rotola nel giardino e corre avanti ed indietro tutta felice, io farei altrettanto, ci proverò una volta.

      Elimina
  2. immagino ti sappia che Sigismondo... era un "fevente" consumatore di cocaina... e che Carlo Gustavo era pinvece più "lucido"... per anni sono stato Froidiano, poi informandomi... mmmmm... temo che (pur riconoscendo che ha aperto le porte della psiche) abbia avuto qualche bella "fissazione" col sesso... in fondo non tutti hanno i neuroni sotto l'ombelico... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio commento è finito in fondo alla pagina, ciao

      Elimina
  3. Non c'è alcun dubbio... quoto Jung!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io tendo ad aprirmi ad ogni forma di pensiero o studio della mente, un luogo molto affascinante dalle potenzialità sconfinate, certo che Jung piace molto di più anche a me, me lo raffiguro più bello e più giovanile! Scherzo!
      Buon anno Carla, tanti baci

      Elimina
  4. Ciao, Ale, sono Lietta e sono qui per gli auguri di un felice e sereno anno nuovo a te e ai tuoi figli. bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lietta sono passata da te è mi sono soffermata a leggere il tuo interessante e stimolante blog.Volevo farti gli auguri ma ho il pc che non mi da la chiocciola per iscrivermi, quindi non ho potuto postare commenti.
      Ora ho capito come entrare, mi basta scrivere:liettapet gabbiani-
      Intanto ti leggo, appena risolto il problema ti scrivo.Tantissimi auguri di buon anno!

      Elimina
  5. Un film da vedere, anche se non sembra un film di Cronenberg. Interessante l'argomento, fondamentali i personaggi ritratti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maude e alligatore, la risposta ai vostri commenti è finita in fondo alla pagina. Grazie e ancora auguri!

      Elimina
  6. un film interessante.
    quoto Alligatore, Cronemberg di solito fa film molto "visionari".
    Buon Anno Alessandra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maude, un caro saluto, ho risposto a te e alligatore contemporaneamente, ancora buon Anno!

      Elimina
  7. Sti voli così alti non son per me che son passato per un augurio
    godetevi le vostre disquisizioni sui massimi psicanalisti
    diròla mia quando sentirò odori terreni
    nel frattempo BUON ANNO a tutti i presenti e non.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah!!!!
      Sai cosa diceva Isaac Newton?
      "Se ho visto più lontano è perchè stavo sulle spalle dei giganti"

      Buon anno con tanta simpatia!
      Ciao

      Elimina
  8. Ciao
    Allo scoccare della mezzanotte pensami per qualche istante in modo da farmi diventare il tuo primo pensiero del Nuovo Anno.
    Un abbraccio, Edo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow!!! Quindi pensi che io ti porti fortuna!
      mi ha svegliata Orietta, ti ho pensato subito dopo..sto ancora ridendo per il termine-psichello o piscichello

      Ho chiuso gli occhi ed al suono dei botti, dalla musica che proveniva dalla pista del pattinaggio, molto in sintonia, ti ho mandato:-tanti auguri di Buon Anno Edo!

      Elimina
  9. Non credo fosse così, erano altri tempi per sigismondo!
    Carlo Gustavo poi studiava l'influenza delle pulsioni sul funzionamento della mente, nulla di strano, non deve essere un tabù il sesso, anzi è molto indicativo sull'aspetto conoscitivo delle persone.

    RispondiElimina
  10. Infatti Cronemberg incentrava i suoi film più sul genere horror e fantasy, uno studio sui mutamenti biologici. Ricordo "La Mosca" film geniale che m'impressionò non poco.
    Direi che è molto affascinante questo suo passaggio dalla fantasia visionaria ad un racconto realistico e biografico basato sullo studio della mente. Lo percepisco come un'evoluzione e crescita artistica di un un grande regista.

    RispondiElimina