domenica 25 novembre 2012

"Lì precisamente dove fa male il cuore"

Cetta Petrollo una poetessa che adoro e non smetto mai di leggere, nelle mie malinconie e assenze trovano spazio i suoi versi che quasi prepotentemente vengono assimilati dalla mia essenza di spirito.

"..Un inno a gole spiegate del corpo:femminile e desiderante questo,del quale sale un canto pieno di senso e ritmo naturale come la pulsazione parallela del cuore e del sesso,traboccante del dolore della gioia,della inquietudine e dello strappo viscerale dell'assenza del corpo amato,fosse pure per la durata di un attimo.....Mitologico è l'amore dove si lamenta di dover sopportare L'apollineo e il dionisiaco. Apollo non ricompone,sposta l'asse del corpo tutto in alto,e così Io che sono di sangue\sopporto intelletto."


 Oggi ho sopportato l'assenza
io che sono sempre piena
come farò a sopportare l'assenza
da me escono fuori versi
che sbattono contro l'assenza
e ritornano distrutti in frammenti
in poggia di suoni
io che sono sempre piena
come farò a sopportare l'assenza
andate senza ritorno si muovono
da pancia a pancia tornando
e la pancia si svuota per l'assenza
in fondo all'imbuto del buio
si cristallizzano assenze
che oggi ancora sopporto
nel vuoto di risposta che torna
oggi ho sopportato l'assenza
si spacca il cielo si spacca il corpo
si spaccano tutti e cinque i sensi
e vanno in volo sperduto
oggi ho sopportato l'assenza
il digiuno del cuore

Cetta Petrollo
Da "Lì precisamente dove fa male il cuore

24 commenti:

  1. L'unica assenza che potrebbe ridurmi in questo stato è quella di mia figlia.
    Buona giornata cara

    RispondiElimina
  2. Certo, l'assenza dei figli è sicuramente la peggiore, insopportabile direi, sono sicuramente l'aspetto più importante della nostra vita.
    Amo la poesia e quindi mi lascio trascinare, c'è un mondo tutto mio dentro di me, fatto anche di assenze.
    Una buona domenica cara Maude

    RispondiElimina
  3. davvero il digiuno del cuore spacca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un punto nel cuore dove viviamo una qualche assenza.Grazie e ciao

      Elimina
  4. Molto profonda e significativa.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quasi un poema,"un inno a gole spiegate del corpo,un oratorio"Ne riporterò altre parti fra cui"Ho sopportato il silenzio"-il digiuno,l'angoscia,la nascita,frattura,intelletto,finzione per finire Passione, ecco scriverò della passione.
      Grazie Cavaliere oscuro. Buona domenica

      Elimina
  5. Che sofferenza..poverina!

    Un abbraccio, Edo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come cantava De Gregori:"..I poeti che strane creature, ogni volta che parlano è una truffa.." Vivono così intensamente ogni sentimento quasi ad impazzirne.

      Elimina
  6. Un "dipinto" molto chiaro di come può essere vissuta l'assenza. La razionalità può mitigare, ma solo fino ad un certo punto...

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E'così caro wolghost,per quanto una persona cerchi di essere ragionevole il vuoto dell'assenza si sente a volte facendoci male il cuore..mi è capitato, di avvertire un dolore proprio sul cuore a causa di un'assenza.
      Se pensi poi alle gravidanze isteriche, quel vuoto nella pancia così forte al punto che la psiche o l'anima arriva a colmarlo a suo modo.
      Una buona giornata

      Elimina
  7. per me l'assenza non è il digiuno del cuore, è il nutrimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma Cosimo, condivido in parte, dipende da che tipo di assenza,diciamo che se l'assenza diventa attesa è diverso,quando senti dentro di te la presenza di una persona anche non visibile materialmente, la sua presenza diventa forte, la sua assenza desiderio d'incontro. Il brutto è quando senti che l'assenza è inderogabile, senza ritorno, qualcosa che è stato spazzato via bruscamente o magari crudelmente dal tuo cuore.In questo caso potrebbe diventare nutrimento per i cattivi pensieri. Ciao Caro poeta,ora che ci penso, l'assenza diventa nutrimento per i poeti.

      Elimina
  8. Mai banale,
    forse ancora un po' comunista,
    ma solo perchè per lui il tempo non è passato
    ed è piacevole ascoltare come eravamo,
    Chitarra e osteria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il comunista convinto lo rimanga per sempre, diventa una questione di fede.
      Bella anche la fiaschetta impagliata di vino che si tiene sempre a fianco nei concerti.
      Hai ragione, mai banale,mi viene in mente De Andrè, anche lui amava suonare in compagnia di amici nelle osterie, u amore per le cose semplici ma vere della vita.

      Elimina
  9. Grazie per avermi fatto conoscere questa poetessa di cui ignoravo l'esistenza e i suoi versi, profondi, significativi quasi fino allo spasimo. Sembra di vivere le inquietudini e le affermazioni che si leggono. Mi sono ripromessa di conoscerla meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penelope, ero sicura che avresti apprezzato una grande poetessa e donna direi, come Cetta Petrollo, anche stamane ho letto dei suoi versi, mi fa commuovere e sa toccare le corde della mia anima.

      Elimina
  10. Grazie Alessandra. Sono felice che i miei versi suscitino emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che grande onore vederla nel mio blog!
      Ringrazio lei con tutto il cuore per come sa dare voce a noi donne, alla nostra essenza.
      L'ho incontrata nella rivista "Poesia", un mensile di cultura che consiglierei di leggere per avvicinarsi ancora meglio ai suoi versi.

      Elimina
  11. Detto, fatto, ho cercato qualcosa on-line, ma c'è poco, ora cercherò i suoi libri.

    RispondiElimina
  12. Ciao Penelope! In libreria, nel circuito feltrinelli si trova l'ultimo, Te la racconto così, di Giulio Perrone editore. Per le poesie è difficile... dovresti scrivere a Wilma Costantini che é il mio ultimo editore di poesia ( Passeggiata in due tempi) e lei te lo fa avere. Posterò qualcosa in questi giorni in un mio blog dove vado pochissimo. Grazie per la curiosità e a presto!

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Cetta,
    alla Feltrinelli andrò per Natale e mi farò il regalo: il tuo libro. Cercherò anche Wilma Costantini per le poesie. Grazie di questo chiarimento. La curiosità è fonte di sapere.

    RispondiElimina
  14. Mi ha fatto molto piacere e mi ha lusingata l'incontro avvenuto nel mio blog da parte di due donne che ammiro moltissimo, entrambe dall'intelligenza sottile e dotate di una grande sensibilità.Penelope e Cetta Petrollo.
    Un abbraccio a tutte le altre belle e grandiose donne mie care amiche che mi vengono a trovare nel mio spazio, ognuna di esse, immensa e magnifica nel proprio modo di essere.Lo dico sinceramente, VI VOGLIO BENE

    RispondiElimina
  15. Grazie a te per averlo permesso.

    RispondiElimina