domenica 2 dicembre 2012

Lucian Freud



Lucian Freud ,nipote dello psicanalista Sigmund Freud,è un artista risolutamente,e spesso spaventosamente,realista.Egli cominciò a dipingere nature morte e ritratti molto controllati,influenzate dai surrealisti,e raramente dipinse un nudo prima del 1965-66;ma in seguito realizzò alcuni dei più originali e potenti nudi della pittura occidentale.Freud sviluppò uno stile sempre più carnale,cercando di trasmettere con la massima intensità la realtà fisica degli uomini nella concretezza del mondo, con un crescente interesse per la magia dei toni della pelle.Egli guarda i suoi soggetti con un occhio clinico e un'oggettività gelida.
Sembra quasi di vedere ciò che si trova sotto la pelle, egli svela la verità più intima dei suoi modelli,tutte persone che egli conosce bene.Egli mira a creare dipinti che non imitino, ma che siano essi stessi soggetti. Abbiamo così, due realtà:una sulla tela e una che viaggia libera.


Dipinto e foto di  Lucian Freud


Il nudo di Lucian Freud

Lucian_freud_015_foto_pittore
Foto del pittore
Lucian_freud_008_donna_con_cane_bianco_1952
Donna con cane bianco
 (1952)
Lucian_freud_002_dopo_cezanne_1993
Dopo Cezanne (1993)

Nudo sdraiato
Lucian_freud_010_ragazza_nuda_in_una_camera_1987
Ragazza nuda in una camera
(1987)
Lucian_freud_023_nudo_di_donna
Nudo di donna
lucian_freud_024_naked_girl_asleep_II_1968
Naked girl asleep (1968)
Lucian_freud_029_kate_moss_2002
Kate Moss (2002)
Lucian_freud_031_benefits_supervisor_sleeping_1995
Benefits supervisor sleeping (1995)
Lucian_freud_026_annie_and_alice_1975
Annie and Alice (1975)
Lucian_freud_039_bella_1983
Bella (1983)
(la figlia)
Lucian_freud_037_girl_with_closed_eyes_1986
Girl with closed eyes (1986)
Lucian_freud_025_pregnant_girl_1961
Pregnant girl (1961)
Lucian_freud_040_esther_1980
Esther (1980)
Lucian_freud_036_painter_and_model_1986
Painter and model (1986)
Lucian_freud_032_naked_man_back_view_1992
Naked man back view (1992)
Lucian_freud_028_eli_and_david_2005
Eli and David (2005)
Lucian_freud_041_naked_man_with_rat_1978
Naked man with rat (1978)
Lucian_freud_034_naked_man_on_a_bed_1987
Naked man on a bed (1987)
 



19 commenti:

  1. E' molto onesto: siamo brutti. Vuoi mettere chi ha le penne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fai pensare al "Cantico dei cantici"Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? ..Ah noi! Esseri pieni di zavorre nell'anima!

      Elimina
  2. Conoscevo solo alcuni di questi dipinti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La risposta è finita in mezzo a qualche altro commento, grazie del passaggio, ciao

      Elimina
  3. decisamente un grande, e non disturbante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che a posare per lui ci si senta quasi coccolare,si viene scrutati nell'anima , più o meno come fai tu con i tuoi pazienti, i loro sguardi credo siano significativi più delle parole, così come la postura del loro corpo.

      Elimina
  4. Pittore notevolissimo, poco conosciuto. In ogni dipinto c'è tutta la complessità di un uomo. Ciao Alessandra!!!!!Irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un artista che ha cercato l'uomo, come un filosofo, un poeta, un regista della vita, come tutti i grandi artisti fin dall'inizio della storia dell'arte, chi attraverso il sacro, chi il profano, se possiamo chiamarlo così, attraverso la verità del nostro corpo.

      Elimina
  5. Mmmmmh... sono consapevole di non essere un grande esperto di pittura (anzi ), ma, ti giuro, non mi sognerei mai e poi mai di appendere uno qualsiasi di quei quadri in un angolo qualsiasi di casa mia.
    Li ritengo devastanti, inquinanti ed orrendamente inquietanti.
    Per quanto mi riguarda, e mi riferisco soprattutto ai dipinti di donne (che sono la stragrande maggioranza ), ho una visione e considerazione totalmente diversa dall'autore in questione...potessi dipingere il genere femminile, lo dipingerei sicuramente più gradevole di ciò che la realtà impone...

    Con questo, sperando di non aver detto troppe cazzate, non intendo criticare in negativo il tuo post...il quale è, al contrario, obiettivamente interessante.
    Un caro saluto
    Alec


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente la tua concezione di bellezza è completamente diversa dalla visione di questo pittore. Come i greci o le arti antiche che tendevano a risaltare la bellezza nelle immagini di uomini e donne, dei loro corpi immortali, di guerrieri,il loro splendore.
      Nei giorni nostri la bellezza viene sempre esaltata, mistificata, quasi non reale.
      E' un'esigenza umana la tua, quella di attorniarti di una forma di armonia che ne contempli delle linee delicate , non intaccate dai dolori della vita, ma pure in se.
      Io si che lo appenderei un dipinto di freud, mi farebbe sentire umanamente importante.
      grazie per il tuo commento onesto e sincero. Ciao

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. A me questi quadri emozionano. E questo è il mio criterio personale per giudicare l'arte. Se mi comunica emozioni. Sicuramente queste immagini lo fanno, non positive, ma ne suscitano. Il mondo non è sempre bello e preferisco questo crudo realismo ad immagini da favoletta.

    Ps scusami avevo scritto male il commento precedente

    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao maude, ho dovuto interrompere le risposte ai commenti causa una lentaggine pazzesca del mio pc.
      Anch'io devo sentire delle emozioni quando vedo dei quadri, mi capita spesso di assistere a mostre rimanendo del tutto indifferente,a volte invece mi emoziono, magari non di fronte ad un'opera perfetta, ma ad un'immagine che mi sa raccontare una storia di emozioni.Ciao

      Elimina
  8. Il suo realismo è suggestivo e sconvolgente nello stesso tempo. Parte dalla struttura di un corpo per dichiararne l'intimo più profondo. Chi è stato ritratto, con così consapevole minuizziosa attenzione, senza, almeno che possiamo sapere, imbarazzo, voleva trasmettere qualcosa a chi avrebbe guardato il quadro, così come l'autore aveva bisogno di esprimere quello che vedeva oltre il corpo. I colori e le espressioni, a me personalmente, danno l'idea del tormento dell'uomo. Forse è questo il messaggio? Non è l'uomo consapevole pieno di tormenti?
    D'altra parte l'introspezione fa parte di questa famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commento bellissimo che potrebbe rispondere da solo ad ogni quesito sull'artista.
      Mi capita di pensare a suo nonno Sigmund Freud, ai due modi diversi ma paralleli di studiare la mente e l'anima dell'uomo.
      Lucian ha ritratto personaggi famosi dal fisico scultoreo facendone trapelare tutto il tormento. Non fu apprezzato a suo tempo per la troppa verità negli sguardi, volti e posture dei corpi.
      A volte impiegava sette mesi per un ritratto e mentre dipingeva raccontava della sua vita chiunque fosse il modello del momento, nelle persone semplici vi scorgeva un grande animo e purezza.

      Elimina
    2. L'anima scinde dalla bellezza, e quale modo migliore è scorgerla in corpi non costruiti, non modellati, non belli? Se per bello si intende il modello o la modella scultorea usta da molti artisti. Oggi si dà importanza al corpo bello, esteticamente perfetto, ma spesso l'anima scompare, se c'è non la si trova, perchè la bellezza abbagia troppo spesso solo gli occhi.

      Elimina
  9. Pittura dallapennellata dura, quasi rozza
    perchè questa è l'anima della gente,
    non dipinge nudi, denuda i modelli,
    sarrebbe la stessa cosa anche fossero vestiti.
    In una società che non vuole più sconvolgerci ma circuirci
    lui ci dà un cazzotto nello stomaco per svegliarci dal torpore
    e tenta lo sconvolgimento del pubblico con ritratti
    che hanno l'espressionismo tedesco come padre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo, è così, egli denuda le persone, vestite o meno che siano e guardare le sue opere è proprio come ricevere un pugno nello stomaco, sembra di vedere se stessi allo specchio e sopratutto di vedersi belli, perchè ciò che conta sta dentro di noi e si riflette in luce esteriore che può anche abbagliare il prossimo, cosa che questo pittore ha reso magnificamente con la luce dei suoi colori.

      Elimina
  10. Un grande artista contemporaneo, mancato nel luglio del 2011 a 88 anni, dalla storia di vita molto interessante anche ai fini della sua arte.

    RispondiElimina